English version

English version
English version

Translate

Cerca nel blog

esiti

esiti
da Google voce: Capogrossi design"

DEEPS Design - profondità progettuali.

Design and Evolution ofExperimentalPrototypesSuggested.

Experimental Experience and Evolution of Platforms Subjects -Project Prototypes/Serial Product & web-communication strategy - crowdsourcing Design.

Progetto sperimentale di interoperabilità di ricerca e didattica di Data-Design condotto attraverso innovativi scenari e forme di organizzazione dei processi di apprendimento interattivo e collettivo.
PROGETTI, SPERIMENTAZIONI E PROTOTIPI CON DIFFERENTI MATERIALI - Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione - crowdsourcing design - modalità progettuali con utilizzo di piattaforme creative INTERACTIVE SYSTEM TO EVOLUTION OF CREATIVE PLATFORMS -

deepsdesignbycp@gmail.com

DEEPS DESIGN by Cecilia Polidori - http://deeps-design.blogspot.it

DEEPS DESIGN 1 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign1.blogspot.it

DEEPS DESIGN 2 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign2byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 3 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign3byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 4 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign4byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 5 by Cecilia Polidori -http://deepsdesign5byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 6 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign6byceciliapolidori.blogspot.it

Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione.

La realizzazione di un Laboratorio di Design - DEEPS Design atto a fornire spazi e strumenti per l’elaborazione, variazione e controllo di manufatti sperimentali e la possibilità di elaborare prototipi e componenti seriali e o strutturali inseribili nella realtà produttiva costruttiva.

I materiali come la carta, la ceramica, la plastica, il legno, offrono un ampio spettro di variazioni e possibilità di sperimentazione progettuale e di studio e, inoltre, quali fonti sostenibili di materia di recupero, possibilità di riutilizzo e riciclo.

lunedì 12 novembre 2012

La semplicità del design = size XS 1/2 post

La dolce vita è un film del 1960 diretto da Federico Fellini. È uno dei film più famosi della storia del cinema. http://it.wikipedia.org/wiki/La_dolce_vita
Una delle scene del film (ovvero dove la protagonista Sylvia, interpretata da Anita Ekberg, è immersa nell’acqua della fontana di Trevi) è stata scelta da Azzurra Micalizzi per utilizzarla nell’esercitazione del corso di disegno industriale 2010/2011. http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/
L’esercitazione è costituita dal susseguirsi di tre immagini. 
Nella prima di esse (in basso a sinistra) la protagonista Sylvia indossa “Zizi armban”http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/bracelet-zizi-sto-provando.htmlbracciale realizzato da Enza Lacopo in das con struttura in fil di ferro che trae ispirazione dal giocattolo “Scimmietta Zizì” di Bruno Munari, realizzato in gommapiuma malleabile e prodotto nel 1953 dalla Pirelli.  
 
"Zizi armban" Enza Lacopo
"Scimmietta Zizì" Bruno Munari
Nella seconda immagine (al centro) la protagonista indossa invece “Odalisca bracelet”, bracciale realizzato da Giusi Fazio con l’utilizzo del das e poi dipinto in tre colori: giallo,bianco e nero.  http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/my-odalisca-bracelet.html.

"Odalisca bracelet"  Giusi Fazio
Il punto di riferimento per lo studio di questo bracciale è “Totem Odalisca” prodotta da Ettore Sottsass per la collezione “Mirabili d’arte” creata da Sergio Camilli
"Totem Odalisca" Ettore Sottsass
Nella terza ed ultima immagine il bracciale che la protagonista indossa è “Skep bracelet” realizzato da Maria Lorenza Crupi

"Skep bracelet" Maria Lorenza Crupi
La fonte d’ispirazione in questo caso diviene la natura, in particolare le forme semplici di una spugna marina o gli alveoli di un’arnia. Il bracciale viene costruito con dei rotoli di cartone riciclato e opportunamente piegati, verniciati e assemblati. http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/skep-bracelet.html
Sabrina Fazzari

Nessun commento:

Posta un commento