English version

English version
English version

Translate

Cerca nel blog

esiti

esiti
da Google voce: Capogrossi design"

DEEPS Design - profondità progettuali.

Design and Evolution ofExperimentalPrototypesSuggested.

Experimental Experience and Evolution of Platforms Subjects -Project Prototypes/Serial Product & web-communication strategy - crowdsourcing Design.

Progetto sperimentale di interoperabilità di ricerca e didattica di Data-Design condotto attraverso innovativi scenari e forme di organizzazione dei processi di apprendimento interattivo e collettivo.
PROGETTI, SPERIMENTAZIONI E PROTOTIPI CON DIFFERENTI MATERIALI - Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione - crowdsourcing design - modalità progettuali con utilizzo di piattaforme creative INTERACTIVE SYSTEM TO EVOLUTION OF CREATIVE PLATFORMS -

deepsdesignbycp@gmail.com

DEEPS DESIGN by Cecilia Polidori - http://deeps-design.blogspot.it

DEEPS DESIGN 1 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign1.blogspot.it

DEEPS DESIGN 2 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign2byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 3 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign3byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 4 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign4byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 5 by Cecilia Polidori -http://deepsdesign5byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 6 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign6byceciliapolidori.blogspot.it

Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione.

La realizzazione di un Laboratorio di Design - DEEPS Design atto a fornire spazi e strumenti per l’elaborazione, variazione e controllo di manufatti sperimentali e la possibilità di elaborare prototipi e componenti seriali e o strutturali inseribili nella realtà produttiva costruttiva.

I materiali come la carta, la ceramica, la plastica, il legno, offrono un ampio spettro di variazioni e possibilità di sperimentazione progettuale e di studio e, inoltre, quali fonti sostenibili di materia di recupero, possibilità di riutilizzo e riciclo.

lunedì 12 novembre 2012

niente di nuovo, se non i medesimi errori già corretti

anche rimpaginato non resta nulla di non già detto, niente di nuovo, se non i medesimi errori già corretti. cp

Il successo attraverso il design

Il successo attraverso il design
Una inebriante  Anita  Ekberg ed un ermetico Marcello Mastroianni, che tiene una sigaretta serrata tra le labbra, cosa rappresentano insieme? 
Manifesto di Sandro Simeoni 
Skep Bracelet
Reinterpretazione del manifesto de La Dolce Vita
I due sono i  personaggi più rappresentativi che recitarono ne La Dolce Vita, diretto da F. Fellini nel 1960. Fellini fece della Ekberg una delle icone più importanti del cinema. Nel film, Sylvia rappresenta l'irraggiungibile "donna dei sogni". http://en.wikipedia.org/wiki/La_Dolce_Vita La pellicola racconta di rovine romane, decadenza, modi di vivere  che scricchiolano sotto il peso del proprio malessere spirituale. Un Ccapolavoro di freddezza schiacciante che presenta una tendenza alla caricatura espressionista e al puro neorealismo in generale se è una citazione va in corsivo e tra virgolettehttp://jclarkmedia.com/film/filmreviewladolcevita.html Il cartellonista G. Olivetti  fu l’autore del vincente manifesto de La Dolce Vita, grande  opera cinematografica sia per il suo ideatore sia per l’intero panorama cinematografico di tutti i tempi, che vinse  la Palma d' oro aCannes nello stesso anno e un Oscar nel 1962. Insieme a questo manifesto, davvero pregiato, Olivetti ne realizzò di altri. Tra gli altri poster volti a pubblicizzare la pellicola felliniana spicca anche la realizzazione di Sandro Simeoni. http://archiviostorico.corriere.it/2010/marzo/05 All’interno del manifesto, come nel film, si nota che la Ekberg indossa  un abito nero a bustier (a detta di F. Fellini, il vestito era ispirato al Sac Dress di Cristóbal Balenciaga  il cui strascico rosso (l’unico colore caldo che la studentessa Azzurra Micalizzi sceglie di lasciare in primo piano, nella reinterpretazione del manifesto di G. Olivetti), risalta  il bracciale che porta al polso. Così come  Fellini  si è affidato a G. Olivetti per pubblicizzare il suo film, allo stesso modo Maria Lorenza Crupi, studentessa del corso di Design Industriale aa. 2011/’12, tenuto dalla Prof.ssa Cecilia Polidori, intende promuovere lo Skep Bracelet, realizzato durante la seconda esercitazione del corso con materiali molto semplici, quali cartone, plastica e colori acrilici. La nuova figura di Sylvia, dalle quali vesti si apre un velo rosso, rappresenta un tramite per la promozionedello Skep Bracelet che diventa un tutt’uno con la sua femminilità. Adesso, la donna non è più irraggiungibile come quella de La Dolce Vita, ma consapevole che preferisce fare uso di oggetti realizzati con un modo di fare design rispettoso dell’ambiente e ispirato a forme circolari che esistono in natura. Giusi Militano  

Nessun commento:

Posta un commento