English version

English version
English version

Translate

Cerca nel blog

esiti

esiti
da Google voce: Capogrossi design"

DEEPS Design - profondità progettuali.

Design and Evolution ofExperimentalPrototypesSuggested.

Experimental Experience and Evolution of Platforms Subjects -Project Prototypes/Serial Product & web-communication strategy - crowdsourcing Design.

Progetto sperimentale di interoperabilità di ricerca e didattica di Data-Design condotto attraverso innovativi scenari e forme di organizzazione dei processi di apprendimento interattivo e collettivo.
PROGETTI, SPERIMENTAZIONI E PROTOTIPI CON DIFFERENTI MATERIALI - Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione - crowdsourcing design - modalità progettuali con utilizzo di piattaforme creative INTERACTIVE SYSTEM TO EVOLUTION OF CREATIVE PLATFORMS -

deepsdesignbycp@gmail.com

DEEPS DESIGN by Cecilia Polidori - http://deeps-design.blogspot.it

DEEPS DESIGN 1 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign1.blogspot.it

DEEPS DESIGN 2 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign2byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 3 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign3byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 4 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign4byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 5 by Cecilia Polidori -http://deepsdesign5byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 6 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign6byceciliapolidori.blogspot.it

Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione.

La realizzazione di un Laboratorio di Design - DEEPS Design atto a fornire spazi e strumenti per l’elaborazione, variazione e controllo di manufatti sperimentali e la possibilità di elaborare prototipi e componenti seriali e o strutturali inseribili nella realtà produttiva costruttiva.

I materiali come la carta, la ceramica, la plastica, il legno, offrono un ampio spettro di variazioni e possibilità di sperimentazione progettuale e di studio e, inoltre, quali fonti sostenibili di materia di recupero, possibilità di riutilizzo e riciclo.

domenica 11 novembre 2012

caro Rocco idem, vedi caro Alessio

Lunar Design
Questa immagine intitolata “lo sbarco del design” rielaborata dall’allieva Giusi Fazio,rappresenta il ritrovamento di alcuni importanti oggetti di design dopo il primo allunaggio della Missione Apollo 11 (http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/2012/06/lo-sbarco-del-design.html)
Quarantatré anni fa, il 20 luglio 1969, l'astronauta americano Neil Armstrong posava il primo piede umano sul suolo lunare, e quando giunse alla fine della scaletta e finalmente fece l'ultimo salto che lo divideva dal suolo selenico pronunciò la storica frase: "Questo è un piccolo passo per un uomo, ma è un grande balzo per l'Umanità ".(http://www.astronautica.us/astronautica_23anni_luna.htm)

Con grande stupore Amstrong ritrova 2 oggetti di design molto importanti:

la “Red and Blue Chair” (1918)  disegnata da Gerrit Thomas Rietveld, rappresenta uno dei primi esperimenti di applicazione dello stile del movimento De Stijl in tre dimensioni. Il primo esemplare non era stato colorato secondo i classici colori primari tanto familiari a De Stijl ma in nero, grigio e bianco. In seguito all'incontro tra Rietveld e Piet Mondrian, nel 1918 la sedia venne ricolorata: struttura e braccioli in massello di legno nero e gialle; sedile e schienale, sempre in legno, laccati blu e rosso. (http://www.designindex.it/red_and_blue_chair.htm)

e la “Berlin Chair” (1923) Nel 1923, Rietveld lavora con il pittore Huszar Vilmos per progettare un modello di camera di stile neoplastico per la KunsthauJuryfreie, una mostra d'arte a Berlino. In questa occasione progetta questa sedia, importante perché introduce due nuovi elementi nei suoi progetti: l’asimmetria e la costruzione con pannelli piani . Gli elementi che la compongono sono monocromi, di colore bianco, nero o grigio. Per la sua fabbricazione, si è deciso di utilizzare legno di quercia di alta qualità. Questa sedia è stata eseguita con una doppia immagine speculare ed è stata realizzata in legno con colori monocromatici (un blu notte quasi nero, un grigio chiaro e un bianco ghiaccio). (http://www.bonluxat.com/a/Rietveld_Berlin_Chair.html)

Rocco Commisso

Nessun commento:

Posta un commento