English version

English version
English version

Translate

Cerca nel blog

esiti

esiti
da Google voce: Capogrossi design"

DEEPS Design - profondità progettuali.

Design and Evolution ofExperimentalPrototypesSuggested.

Experimental Experience and Evolution of Platforms Subjects -Project Prototypes/Serial Product & web-communication strategy - crowdsourcing Design.

Progetto sperimentale di interoperabilità di ricerca e didattica di Data-Design condotto attraverso innovativi scenari e forme di organizzazione dei processi di apprendimento interattivo e collettivo.
PROGETTI, SPERIMENTAZIONI E PROTOTIPI CON DIFFERENTI MATERIALI - Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione - crowdsourcing design - modalità progettuali con utilizzo di piattaforme creative INTERACTIVE SYSTEM TO EVOLUTION OF CREATIVE PLATFORMS -

deepsdesignbycp@gmail.com

DEEPS DESIGN by Cecilia Polidori - http://deeps-design.blogspot.it

DEEPS DESIGN 1 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign1.blogspot.it

DEEPS DESIGN 2 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign2byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 3 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign3byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 4 by CeciliaPolidori - http://deepsdesign4byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 5 by Cecilia Polidori -http://deepsdesign5byceciliapolidori.blogspot.it
DEEPS DESIGN 6 by Cecilia Polidori - http://deepsdesign6byceciliapolidori.blogspot.it

Laboratorio Design, Progetti sperimentali, Prototipizzazione, Comunicazione.

La realizzazione di un Laboratorio di Design - DEEPS Design atto a fornire spazi e strumenti per l’elaborazione, variazione e controllo di manufatti sperimentali e la possibilità di elaborare prototipi e componenti seriali e o strutturali inseribili nella realtà produttiva costruttiva.

I materiali come la carta, la ceramica, la plastica, il legno, offrono un ampio spettro di variazioni e possibilità di sperimentazione progettuale e di studio e, inoltre, quali fonti sostenibili di materia di recupero, possibilità di riutilizzo e riciclo.

domenica 11 novembre 2012

A spasso con il Design


Classico cinematografico di tutti i tempi, “Vacanze Romane”, diretto da William Wyler nel 1953,  è un film che fa dei suoi protagonisti un mito, capovolgendo la storia di Cenerentola (http://it.wikipedia.org/wiki/Vacanze_romane). Interpretata da Gregory Peck e Audrey Hepburn, la pellicola diventa un cult degli anni ’50 attraverso il famoso fotogramma dei due attori che visitano la Capitale in sella alla mitica Vespa, considerata oggetto di design di firma italiana per eccellenza (http://it.wikipedia.org/wiki/Piaggio_Vespa). Questa immagine è stata utilizzata per una delle esercitazioni previste dal corso di Disegno Industriale tenuto dalla prof.ssa Cecilia Polidori nell’A.A. 2011/2012 (http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/) rielaborata dalla studentessa Giusy Pesce col titolo di “Design…a spasso!” (http://ceciliapolidoritwicedesign4.blogspot.it/2012/06/designa-spasso.html). La Hepburn, una delle più grandi icone di stile degli anni ’50, sfoggia con disinvoltura tre dei bracciali proposti per l’esercitazione Paper Bracelets (http://ceciliapolidorideisgnlezioni2.blogspot.it/p/appunti-lezione-5-2-esercitazione.html), in particolare lo SKEP Bracelet di Maria Lorenza Crupi, il BILL Bracelet di Maria Chiara Grasso e il MY BRACELETS KEITH HARING di Immacolata Lacopo. Lo SKEP Bracelet viene elaborato dall’autrice come “una forma che mi riporta col pensiero a quelle semplici della natura, alle cellule di una spugna marina, agli alveoli di un'arnia, o, semplicemente, a degli occhi”  (http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/skep-bracelet.html). Matrice del BILL Bracelet è invece la serigrafia “Quadrato bianco completato da colori primari” realizzata da Max Bill nel 1962 (http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/04/bill-bracelets.html). Nel MY BRACELETS KEITH HARING sono le linee e le forme e opere di Keith Haring ad ispirare l’autrice per la realizzazione del suo bracelet (http://ceciliapolidoritwicedesign3.blogspot.it/2012/03/my-bracelets-keith-haring.html). I bracelet dimostrano come il valore delle cose non sia dato dalla composizione materica delle stesse, ma dalla forza con cui esse riescono a trasmettere la loro qualità e la loro immagine. Le tre realizzazioni rientrano così  in connubio perfetto con ciò che la Hepburn rappresenta nell’immaginario collettivo, diventando emblema di nuove creazioni ed idee per il Design.
Matilde Gabriele

Nessun commento:

Posta un commento